“Ritorno alle Origini”. Vino in anfora a Tenuta Sant’Agostino

Tenuta Sant AgostinoIn Campania, a Solopaca, si trovano i vigneti della Tenuta Sant’Agostino che produce ottimi vini dai sapori e profumi diretti, privi dei sentori del legno, grazie all’invecchiamento in anfora di grès porcellanato e in anfora di terracotta rivestita con cera d’api per ottenere tempi di affinamento più lunghi.

Tenuta Sant AgostinoLe vigne di Malvasia, Trebbiano, Sangiovese, Lambrusco e Aglianico sono coltivate con cultura Biologica con alcuni principi di biodinamica e sono il luogo della vendemmia da sempre vissuta come una tradizione di famiglia. La Tenuta Sant’Agostino nasce infatti nel 2013 con Carlo Ceparano che personalmente segue tutti i processi di produzione, dalla coltura alla potatura fino alla raccolta e alla selezione delle uve migliori, per una vinificazione che garantisce il rispetto del territorio.

Tenuta Sant AgostinoL’azienda vinifica esclusivamente uva di produzione propria e si pone l’obiettivo di riportare nel calice antichi sentori vinificando in purezza gli storici vitigni di famiglia rispettando tutti i principi dell’agricoltura biologica.

I vigneti sono ubicati nel Sannio, immersi in una suggestiva vallata tra il monte Taburno e il fiume Calore, a circa 160 mt s.l.m., nella splendida cornice dell’Agro Beneventano nel comune di Solopaca, territorio viti vinicolo per eccellenza.
Il paesaggio è di una bellezza inebriante, e racconta la storia antica dei popoli che lo hanno abitato. Nei loro vini è racchiuso tutto questo.

Da sinistra Carlo Ceparano e Vincenzo Mercurio

Carlo Ceparano e Vincenzo Mercurio

“Il progetto della Tenuta Sant’Agostino “Ritorno alle Origini” – racconta Carlo Ceprano – prevede la vinificazione e l’affinamento in anfore di terracotta rivestite di cera d’api; da questo nasce il logo aziendale che raffigura un’anfora con al centro il fiume, a destra, il vigneto a tendone e a sinistra, i sassi e gli scheletri portati dall’acque del Calore.
L’affinamento in anfora dona ai vini sentori molto particolari esaltandone i delicati profumi primari di fiori bianchi ed agrumi, rendendoli intensi e complessi “.

Tenuta Sant AgostinoRicerca sperimentazione, tradizione. “Vino ed anfore hanno un legame antico – continua Carlo Ceparano – Nelle nostra cantina vogliamo rispettare il passato e le tradizioni guardando però al futuro. La voglia di sperimentazione ci ha portati ad utilizzare la tecnologia moderna per produrre il vino invecchiato in anfora. Notevoli sono le differenze organolettiche. Il vino è più fresco, più fruttato e più bilanciato rispetto a quello prodotto con il metodo tradizionale. I profumi ed i sapori emergono in maniera netta e soprattutto sono privi degli aromi tipici del legno”.

Grande l’importanza data ai terreni argillosi e sabbiosi caratterizzano fortemente i vitigni di Malvasia di Candia, Trebbiano Toscano, Aglianico Beneventano e di Lambrusco Maestri della Tenuta Sant’Agostino che hanno circa mezzo secolo di vita.https://tenutasantagostino.it

La produzione viene seguita e monitorata dall’enologo Vincenzo Mercurio che, in totale sintonia con la filosofia aziendale, garantisce il rispetto della natura in tutte le sue forme, con i suoi tempi e le sue necessità senza rinunciare a sperimentare in ogni annata le performance che regalano sempre dei vini con grande personalità.

Tenuta Sant AgostinoQuattro le etichette aziendali, tre bianchi e un rosso.
VENTIVENTI – affinato in anfora – Trebbiano. Beneventano bianco Igt – Adatto a Piatti a base di pesce di mare, risotti, formaggi freschi e verdure.
SCOMPOSTO – affinato in anfora – Malvasia – Beneventano bianco Igt – Perfetto con Piatti di pesce anche elaborati, crostacei, carni bianche, verdure anche ripiene.
BUCCE D’UVA – macerato con le bucce 8 mesi in anfora – Malvasia e Trebbiano – Beneventano bianco Igt – Ottimo in abbinamento a formaggi, a pasta cruda, a secondi a base di pesce, sushi e piatti vegetariani.
ATTOPRIMO – affinato in anfora – Aglianico, Lambrusco – Beneventano rosso Igp – Perfetto in abbinamento con Formaggi, carni suine, carni rosse e cacciagione.

Tenuta Sant AgostinoIl fiume Calore accarezza questi vigneti con amore e passione, con orgoglio e vanto di chi, come Carlo Ceprano, crede nel proprio passato e nei valori della natura.
Non perdetevi una Wine experience indimenticabile. Un tour in cantina o una degustazione al tramonto con le migliori produzioni dell’azienda Tenuta Sant’Agostino.
Un’esperienza speciale da condividere con gli amici o con chi si ama.

 

Tenuta Sant Agostino Tenuta Sant Agostino Tenuta Sant Agostino

 

Condividi