Tour della Provenza francese, alla ricerca della Lavanda

State cercando una meta vicina all’Italia, perfetta per un breve tour estivo?

Campi di lavanda - foto Elisa Gonfiantini

Campi di lavanda – foto Elisa Gonfiantini

La destinazione ideale è la Provenza francese, che tra la metà di giugno e la fine di agosto diventa irresistibile e affascinante grazie ai tanti campi fioriti di lavanda!

Infatti, proprio in questo periodo la Provenza si tinge di viola, in tutte le sue sfumature, dall’indaco più intenso al lilla più tenue.

I paesaggi di questa parte del sud della Francia si ammantano di fascino e poesia, richiamando ogni anno turisti da ogni parte del mondo, intenti ad ammirare questa bellezza.

Camminare nei campi di lavanda, immersi nel ronzare delle api e delle cicale, e aspirarne il meraviglioso profumo intenso rappresenta un’esperienza unica, da fare almeno una volta nella vita.

Un consiglio? Andateci al tramonto quando i meravigliosi contrasti che appaiono, rendono tutto così perfetto, quasi da cartolina!

Seguire un itinerario della lavanda significa anche andare alla ricerca degli scorci più suggestivi e delle inquadrature più spettacolari, e è anche l’occasione per visitare, lungo la strada, angoli incantevoli della Provenza.

Come, ad esempio, le gole vertiginose incastonate nelle montagne, oppure i canyon di terra rossa, i laghi turchesi, i campi gialli di girasole, i vigneti, e i villaggi più pittoreschi, in un susseguirsi di casali, borghi arroccati, scavi archeologici e antichi monasteri.

Inoltre, l’altopiano di Valensole, il borgo di Gordes e l’abbazia di Senanque sono il paradiso degli amanti della fotografia!

Ma mi raccomando oltre ad osservare la fioritura, non mancate di provare uno dei tanti prodotti che vengono realizzati a base di lavanda: sarà anche un modo per riportare a casa la magica atmosfera provenzale.

Gordes - foto Elisa Gonfiantini

Gordes – foto Elisa Gonfiantini

La lavanda è una pianta aromatica che viene usata in molti campi, come per esempio nell’erboristeria, soprattutto per le proprietà modestamente sedative e per le proprietà antispastiche esercitate in particolar modo sulla muscolatura liscia del tubo digerente e dell’albero bronchiale.

L’olio essenziale di lavanda, invece, si utilizza per via esterna: ottenuto per distillazione dei fiori, gli vengono ascritte ottime proprietà antinfiammatorie.

La lavanda è un ingrediente principale anche nella cosmesi, utilizzato nei profumi, e nei prodotti per la cura e per l’igiene della persona, come saponi, shampoo, creme ecc.
Io quando andai in Provenza ne feci incetta nei vari mercatini provenzali che si trovano per la strada, e nei piccoli borghi!

La fioritura della lavanda parte dalla fine di giugno fino a metà agosto.

Il periodo cambia a seconda della varietà di pianta (lavanda o lavandin), del clima, dell’altitudine e della latitudine, variando così da zona a zona.
Se volete quindi essere sicuri di poter vedere le distese di viola nel massimo splendore, dovete consultare le pagine Facebook, Instagram e web degli enti del turismo locale, che ogni anno condividono preziosi aggiornamenti sullo stato della fioritura. In alcuni casi troverete anche le webcam, che registrano in tempo reale lo stato della lavanda.

La Provenza è relativamente vicina all’Italia, dal momento che dista solamente 200 km dal confine italiano di Ventimiglia, e il miglior modo per poterla visitare è sicuramente con l’auto per essere più indipendenti negli spostamenti!

Io vi propongo il Tour dell’ Altopiano di Valensole relativo alla fioritura della lavanda più famosa, includendo varie tappe interessanti per una durata di 3 notti e 4 giorni:

Lavanda - foto Elisa Gonfiantini

Lavanda – foto Elisa Gonfiantini

PRIMO GIORNO le Gole del Verdon

Le Gole del Verdon sono il più grande Canyon d’Europa, con oltre 25 km di estensione.

Arrivando dall’Italia, si imbocca la famosa Corniche Sublime, una strada panoramica lunga 30 km, composta da tornanti vertiginosi e scorci spettacolari.

Vi sono tantissimi punti dove fermarsi per fotografare il panorama, e infatti nonostante la lunghezza del tragitto sia esigua, i tempi di percorrenza si dilatano a dismisura, se come noi cercate lo scatto perfetto!

Qui vi consiglio di trascorrervi un’intera giornata, sia per godervi la strada, sia per poter trascorrere del tempo nel parco, facendo qualche percorso di trekking, fare uno sport acquatico lungo il fiume o anche il bagno nel Lago di Saint Croix.

TERZO / QUARTO GIORNO Altopiano di Valensole e Riez

Solo l’Altopiano di Valensole da solo vale il viaggio.

Se infatti lo scopo è quello di vedere la lavanda, ebbene qui si concentra gran parte di tutta la Provenza!
Fra queste strade potrete ammirare gli incantevoli paesaggi viola che tanto avete sognato.
Sebbene la lavanda sia stupenda in ogni angolo della Provenza, è proprio qui che troverete gli scorci più instagrammabili, i campi più fotogenici, gli angoli più colorati e pittoreschi.

Il tempo da dedicare a questa zona è molto soggettivo e dipende molto da quanti giorni di viaggio avete a disposizione. Potete scegliere di fare un tour di passaggio con foto semplici, oppure dedicare un‘intera giornata a cercare lo scatto perfetto, che di solito si ha sull’ora del tramonto.
Ricordatevi che non sarete i soli con lo stesso intento, probabilmente altre centinaia di persone avranno avuto la vostra stessa idea, quindi pazientate, oppure cercate angoli diversi.
Qui basta davvero cambiare direzione e ritrovarvi sempre in uno spettacolo!

Non dimenticate di visitare le distillerie, partecipare alla Festa della Lavanda per andare alla ricerca di prodotti tipici o anche visitare la pittoresca cittadina di Riez.

Roussillon - foto Elisa Gonfiantini

Roussillon – foto Elisa Gonfiantini

QUARTO GIORNO Roussillon e il canyon colorato, Abbazia di Senanque e Gordes

Il bello di questa zona della Provenza è il poter passare dal viola intenso della lavanda, al rosso fuoco del Sentiero delle Ocre a Roussillon.

Molto carino è il villaggio di Roussillon che si trova davanti al Sentiero delle Ocre che si possono visitare con un percorso a piedi fra le cave gialle, rosse e arancioni.

Da Roussillon spostatevi presso l’Abbazia di Senanque , sicuramente una delle immagini simbolo della Provenza francese. Questa chiesa cistercense, infatti, è circondata dai campi di lavanda e anche se non si può più visitare la chiesa all’interno, si possono fare ottime fotografie dalla staccionata di recinzione.

Infine come ultima tappa, Gordes, (che dista solo 4 km da Senanque), uno dei villaggi provenzali più affascinanti e spettacolari. Si trova sulla sommità di un colle dal quale domina tutta la vallata, sviluppandosi in altezza, e ogni angolo, stradina o cortile, è un perfetto set fotografico!

 

Condividi